Archivio per la categoria ‘Pentolone’

L’arte del saper scrivere

Pubblicato: 28 settembre 2011 in Pentolone

C’è chi scrive e CHI SCRIVE.

Non sapevo che fosse necessario

Pubblicato: 23 maggio 2011 in Pentolone

per guidare un veicolo conoscere il funzionamento di ogni singolo ingranaggio del motore
per giocare con un radiomodello costruirselo
per accendere una lampadina essere un elettricista
per mangiare una pagnotta conoscere le dosi esatte di ogni singolo ingrediente
per scrivere una lettera produrre l’inchiostro di china
per medicarsi una ferita una laurea in medicina
per lavarsi la faccia essere un idraulico
per piantare un chiodo essere un falegname
per usare un computer essere uno sviluppatore…. e adesso chi lo dice a mia moglie? 😀

Nulla è vero, se non ciò che è semplice (Johann Goethe)
La semplicità è la forma della vera grandezza (Francesco De Sanctis)
Non c’è grandezza dove non c’è semplicità (Lev Tolstoj)
In carattere, maniera, stile, in tutte le cose, la suprema eccellenza è la semplicità (Henry Wadsworth Longfellow)
Io sono un babbeo lobotomizzato ma preferisco usare una cosa semplice piuttosto che una complessa (Fabio Colinelli)

Un regalo sotto l’albero

Pubblicato: 24 dicembre 2010 in Pentolone, Ubuntu

La redazione de “il Resto del Pinguino” ha rilasciato in queste ore il numero natalizio della rivista.
Tanti articoli da leggere e rileggere tra una fetta di panettone ed un bicchiere di spumante.
Buona lettura a tutti.

QUI L’ANNUNCIO ED IL LINK PER SCARICARE LA RIVISTA

AUGURI

Pubblicato: 23 dicembre 2010 in Pentolone

Non è tutto oro quello che luccica…

Pubblicato: 10 settembre 2010 in Pentolone

Gironzolando in rete mi sono imbattuto in un sito di aste online.

Siccome prima di esprimere giudizi cerco di documentarmi ho cercato eventuali articoli o messaggi di truffati. Ero certo, sicuro, convinto di trovare tonnellate di messaggi di denuncia ed invece nisba, nulla ed allora ho cercato di capire dove si nascondeva il trucco.

L’azienda mostra un elenco di aste già effettuate, da cui riporto un esempio :

Prezzo di listino del prodotto in vendita: 160,00 €

Prezzo del prodotto pagato dal vincitore: 3,10 €

Risparmio sull’acquisto: oltre 90%

Posta in questo modo non lascia dubbi sul fatto che sia un affarone ma vediamo come funziona il meccanismo:

un utente prima di effettuare delle offerte deve acquistare dei crediti, mediamente un credito costa 0,43 €;

ogni offerta incrementa il costo base d’asta di 0,01 € ed allunga il tempo di scadenza dell’asta di 20 secondi;

se dividiamo 3,10 € (prezzo pagato dal vincitore dell’asta) per 0,01 € otteniamo  310 (numero di offerte);

moltiplicando 310 per 0,43 € (costo di ogni offerta) otteniamo 133,30 € (incasso dell’azienda) a cui si devono aggiungere i 3,10 € pagati dal vincitore per un totale di 136,40 €.

Quel particolare prodotto viene venduto in vari negozi a prezzi variabili dai 120 ai 140 € (escludendo eventuali promozioni sottocosto), quindi posso tranquillamente affermare che l’azienda che vende non regala nulla.

Tecnicamente se uno è fortunato (ammesso che la fortuna esista e che il tutto non sia pilotato da qualche software specifico) potrebbe effettuare una sola offerta e quindi aggiudicarsi il prodotto a scapito degli altri concorrenti ma… beh.. lasciatemi il beneficio del dubbio :D.

Non è tutto oro quello che luccica o come si dice dalle mie parti: nessuno lega il cane con la salsiccia.